PARTENARIATO PUBBLICO-PRIVATO: UNA PROPOSTA PER IL RILANCIO : Una nuova guida per la P.A. per la redazione di un contratto di concessione in P.P.P.

Tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato e l’Autorità Nazionale Anticorruzione è stato stipulato un protocollo d’intesa che ha ad oggetto l’approvazione congiunta del contratto standard di concessione per la progettazione, costruzione e gestione di opere pubbliche o di pubblica utilità a diretto utilizzo della pubblica amministrazione. Il documento è stato elaborato dal Gruppo di lavoro inter-istituzionale in materia di partenariato pubblico privato costituito con determina del Ragioniere Generale dello Stato.

Il 28 aprile 2020, con parere n. 823, il Consiglio di Stato ha, tra l’altro, richiamati gli elementi che differenziano il partenariato pubblico privato dagli appalti e l’importanza dello strumento per il rilancio dell’economia.

Lo schema di contratto standard adottato dall’ANAC con deliberazione n° 1116 del 22 dicembre 20020 , non è vincolante.  Intende però fornire alle stazioni appaltanti uno strumento che, mediante una corretta allocazione dei rischi al soggetto privato e un’adeguata bancabilità del progetto, sia capace di promuovere l’efficienza e la qualità dell’attività amministrativa in un settore, quello del partenariato pubblico privato, caratterizzato da un’elevata mortalità delle procedure.  Sotto il profilo contabile e statistico, tale strumento potrebbe rappresentare una guida per le stazioni appaltanti per una corretta classificazione off balance dell’operazione e, quindi, per una contabilizzazione del valore totale della stessa operazione (parte pubblica e parte privata) sul bilancio dell’ente concedente come non generativa di nuovo debito e di nuovo deficit con effetti positivi per la finanza pubblica.

Scarica la Guida allo Schema di Contratto

Scarica la Relazione Illustrativa

Print Friendly